/ Alasdair MacIntyre

Comunitari o liberal La prossima alternativa? (1999)
Marcello Veneziani

1. Liberal o comunitari

Sinistra e destra, due nature morte separate dalla loro pianta d’origine. I bipolarismi in campo sono logorati sul piano teorico e pratico: anche quelli tra laburisti e conservatori, tra progressisti e moderati, tra liberaldemocratici e socialdemocratici. Si è assottigliato il terreno su cui esprimere ed esercitare le differenze, con la tendenza a ridurre la banda di oscillazione delle opzioni in un ambito sempre più ristretto e sempre più pragmatico e occasionale. L’identità è decisa dalla collocazione e non più viceversa. Trovarsi al governo o all’opposizione decide molto più che definirsi conservatori o progressisti. +

italiano | | , , , , , , , , , , , , , , | Comments closed

La nostra responsabilità: il comunismo di Blanchot
Lars Lyer

Agli occhi di coloro che credono di poter valutare l’attività e gli scritti di Maurice Blanchot, come pure di altri, sul modello della democrazia liberale, una parte o tutta l’opera di questo pensatore meriterebbe di essere messa al bando o difesa. Fra coloro, invece, che hanno accolto i suoi scritti come opere di critica, di letteratura e di fenomenologia, le accuse che gli vengono rivolte appaiono sorprendenti: perché mai, ci si chiede, il giornalismo politico di Blanchot durante la guerra e nel periodo fra le due guerre metterebbe in discussione i contributi del dopoguerra? +

italiano | | , , , , , , , , , , | Comments closed